Quaderno 11. 2021 – novembre

Quaderni dei Giullari – Quaderno 11 – novembre 2021 – Prevenzione e benessere – PDF scaricabilehttps://giullari.wordpress.com

Indice

  • Fernanda Argnani 100 anni al Museo di Rimini
  • 7Salute. di Vincenzo Speghini
  • Pesce e salute. Di Giorgia Gianni
  • Linguaggi universali di Gianni Ferrario
  • Vista e salute. di Susanna Castellini
  • Poesie di Paola Capitani
  • La mela rosa romana
  • Letture dei Giullari
  • Viaggi dei Giullari
  • Libri segnalati da Giullari junior
  • Eventi dei Giullari
  • Ricette
  • Orto e giardinaggio di novembre
  • Risorse interessanti

*****

Mi piacerebbe che ci trasformassimo tutti in suoni. In fondo se in origine eravamo dei suoni mi pare bello pensare che torneremo ad esserlo. Ennio Morricone

*****

La prof.ssa Fernanda Argnani festeggia il suo centesimo compleanno, i fiori e gli auguri da parte del Sindaco Jamil Sadegholvaad   

La prof.ssa Fernanda Argnani festeggia il suo centesimo compleanno, i fiori e gli auguri da parte del Sindaco Jamil Sadegholvaad

È stato un compleanno molto partecipato quello della prof.ssa Fernanda Argnani lo scorso 2 novembre, una festa importante per i suoi 100 anni, organizzata nel Museo comunale dai tanti studenti e dai colleghi, a cui ha partecipato anche il sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad che le ha donato dei fiori.

“Cara professoressa – sono alcune delle parole del sindaco Jamil Sadegholvaad nella lettera di auguri a lei dedicata – i ragazzi hanno imparato bene la lezione e sono cresciuti altrettanto forti e responsabili. Insegnare non è un lavoro ma la missione fondante qualsiasi società. Perché, di fondo, l’oggetto del proprio operare sono gli altri, diluendo l’io a favore del noi. Se poi quel ‘noi’ è il senso vero dell’eredità, del legame – fondato sul tramandare cultura e conoscenza – tra chi c’è stato prima e chi verrà dopo, allora si travalica il concetto stesso di altruismo per sfociare direttamente in quello di civiltà.”

La prof.ssa Fernanda Argnani è nata in un paese del ravennate il 2 novembre del 1921, dal 1967 vive a Rimini, città nella quale ha svolto gran parte della sua attività lavorativa e culturale. Si è laureata in Lingue e letterature straniere all’Università Ca’ Foscari di Venezia – ateneo il cui prestigio è riconosciuto a livello europeo- affrontando con determinazione le difficoltà di tempi in cui non era scontato proseguire gli studi per chi provenisse da famiglie numerose della periferia. Fernanda ha dedicato e dedica tuttora la propria vita alla cultura e all’insegnamento: il suo innato desiderio di conoscere è sempre stato saldamente unito a quello, altrettanto intenso, di comunicare, di diffondere la cultura e i valori che essa veicola, come dimostrano la sua notevole carriera di insegnante (per la maggior parte svoltasi proprio a Rimini), la cospicua attività culturale proseguita anche dopo la pensione e le prestigiose onorificenze che le sono state conferite.

*****

7Salute. di Vincenzo Speghini

7Salute: la tua consulenza gratuita… a portata di mano!

Moltiplicatore di opportunità !!
Un servizio innovativo mirato che ascolta l’utente e lo invia gratuitamente a trovare la soluzione adatta a risolvere il suo problema!!
Come? Per telefono e mail
Cosa?
Alimentazione, Ambiente, Bellezza, Cosmesi naturale, Prevenzione, Salute, Stile di vita

Il cliente a tu per tu con l’esperto per ricevere risposte personalizzate e su misura.
7Salute è Un concept 4.0 che mette al centro la persona e le esigenze individuali.

Uno spazio unico, firmato Italyfarma della Farmacia Speghini di San Benedetto Val di Sambro (Bo), in collaborazione con Cosmoderma, il laboratorio della Farmacia e le aziende di settore accuratamente selezionate in 40 anni di attività.
– Una nuovissima concezione di e-commerce basata sul contatto diretto.

Memorizza questo numero dedicato: 351 775 2093. Scrivi la tua richiesta tramite WhatApp oppure telefona: Riceverai la tua risposta e sarai messo in contatto con l’esperto (via WhatApp, telefonata o video chiamata.”
Il tuo problema ha la nostra soluzione!


I veri grandi spiriti costruiscono, come le aquile, i loro nidi a grandi altezze, nella solitudine. Schopenhauer

*****

Pesce e salute. Di Giorgia Gianni

Saraghine, sardoni, poveracce, pidocchi. Pesci e molluschi che riportano alle antiche tradizioni alimentari che affondano le loro radici nel bacino del Mediterraneo, e che nella Romagna di un tempo erano considerato “poveri”. Oggi hanno invece ritrovato la loro piena dignità di prodotti d’eccellenza dell’Adriatico, ricchi di proprietà nutritive e di salute.

A so’ cot com’ un sardòun

Sono cotto come un sardone

La saraghina (alaccia, papalina, renga, spratto) e il sardone (alice, acciuga) fanno parte della famiglia del pesce azzurro, riconoscibile dalle squame colorate di blu sul dorso e argentee sulla pancia. In una Dieta Mediterranea non dovrebbero mai mancare: si tratta di pesci molto facili da digerire, importanti per la salute e benessere del cuore e dell’apparato circolatorio. Sono infatti ricchi di omega-3, i “grassi buoni” che favoriscono i livelli di diminuzione del colesterolo, favoriscono la pulizia delle arterie, prevengono i tumori al colon ed al pancreas, diminuiscono le probabilità di soffrire di demenza senile, combattono l’invecchiamento precoce, il morbo di Crohn, il diabete e la colite ulcerosa. Contengono elementi preziosi come selenio, calcio (aiutano a combattere l’osteoporosi), iodio (per il funzionamento della ghiandola tiroide), fosforo, potassio, selenio, fluoro, zinco, nonché vitamine A e B.

La ricetta: saraghina e sardoncini al testo

Sul testo di terracotta ben caldo sul fuoco, si getti un pugno di sale grosso che sciogliendosi impedirà alla saraghina di attaccarsi. Passare e rivoltare i pesci in farina di polenta e porli sul testo, rigirandoli una volta. Gustarli con piadina, radicchio e cipolla.

Puràzi chi’l ciàpa, puràzi chi l’vénd, puràzi chi l’magna!

Poveracci quelli che le raccolgono, poveracci quelli che le vendono, poveracci quelli che le mangiano

Pescate o raccolte come una volta sulla spiaggia durante la bassa marea, le poveracce, puraze (vongola adriatica, Chamelea gallina) all’interno di un’alimentazione sana, equilibrata e basata sul modello della dieta mediterranea, possono garantire molti benefici all’organismo. Hanno infatti un elevato contenuto di vitamina A, essenziale per il corretto funzionamento e sviluppo del nostro organismo, la salute di pelle e occhi; vitamine del gruppo B, indispensabili per il fegato, il sistema nervoso e la formazione del sangue e il corretto metabolismo delle proteine e dei grassi; sali minerali, tra cui fosforo, potassio, iodio, zinco, calcio e selenio; un alto contenuto di antiossidanti per contrastare la presenza di radicali liberi in eccesso. In passato si consigliava di limitarne il consumo per il contenuto in colesterolo, rischio oggi ampiamente ridimensionato.

I pidocchi (mitilo, cozza, Mytilus galloprovincialis) sono una delle fonti proteiche animali con il più basso livello di emissioni di CO2 e rappresentano una fonte importante di acidi grassi omega-3, fitosteroli e altri micronutrienti chiave come vitamina B-12, vitamina C, ferro, fosforo e potassio. Contengono glucosamina in abbondanza, che agisce direttamente sugli stati dolorosi.

La ricetta: sautè di cozze e vongole alla marinara

Tritare uno spicchio di aglio con due ciuffi di prezzemolo. Scaldare l’olio in un tegame capiente e soffriggere aglio e olio (peperoncino se gradito), aggiungere qualche pomodorino a pezzetti, unire le cozze e le vongole, poi coprire il tegame con un coperchio. Fare aprire cozze e vongole, a fiamma vivace mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. A cottura ultimata sfumare con il vino bianco.

*****

Sull’undicesimo vagone
c’è un buon odore di castagne,
paesi grigi, grige campagne

già rassegante al prima nebbione,
e buoni libri da leggere a sera
dopo aver spento la televisione.
Gianni Rodari


2. Linguaggi universali di Gianni Ferrario

La perla preziosa

In tutti questi anni ho cercato di spargere GIOIA intorno a me attraverso una serie di performance che coinvolgono i partecipanti in modo attivo, divertente e rigenerante. Il tutto lo potrei sintetizzare simbolicamente con il mantra “Ricevo energia” (in inspirazione) “Spargo gioia” (in espirazione).

E il dolore?

Diciamo che “i dolori” (al plurale), se sono eliminabili, vanno eliminati o almeno leniti.

Ma “il dolore” (al singolare), che è una condizione ineliminabile per il fatto stesso di non essere biologicamente immortali, può avere una funzione importante per la nostra piena umanizzazione.

Nei miei workshop esperienziali ho potuto constatare quanto sia importante da parte dei partecipanti poter raccontare e condividere con gli altri i propri dolori in chiave di crescita personale e di ri-nascita.

E’ così che può venir fuori la nostra unicità e la possibilità di dare un significato alla nostra sofferenza.

Gioia e dolore si alternano continuamente. Entrambi possono essere “accolti” come semi e “raccolti” come frutti.

La gioia tutti la cercano, ma “il dolore” esistenziale insito nella finitezza umana può essere prezioso come la PERLA, che altro non è che la cicatrice della ferita inferta all’ostrica da un elemento esterno. Un vero miracolo della natura che emana bagliori di speranza e bellezza.

http://www.terapiadellarisata.it

*****

La vita è un pentagramma fatto di righe e spazi. Incontrerai diesis che ti porteranno avanti e bemolle che ti porteranno indietro. Aggiungerai qualche pausa, indispensabile, per armonizzare il tutto.

*****

4. Vista e salute. di Susanna Castellini

La vista è un bene importante che va tenuto sotto controllo e ha bisogno di prevenzione

Fin dai primi anni di vita sono consigliati controlli della vista e della mobilità oculare importante intervenire in caso di difetti visivi entro i 6 anni per sviluppare una buona capacità visiva.

Nell’arco della vita i controlli della vista vanno eseguiti regolarmente, esiste un vademecum sulla prevenzione oculare

Importante portare occhiali da sole con lenti a norma di legge, rallentano lo sviluppo della cataratta e prevengono danni retinici.

Non fumare, gli effetti negativi del fumo agiscono sul cristallino e sull’insorgenza della degenerazione maculare legata all’età.

Alimentarsi correttamente, l’apporto di vitamine è importante per un buon funzionamento della retina.

Per chi ha familiari con qualche patologia come, ipertensione e diabete o patologie oculari come glaucoma, importanti sono controlli periodici (una volta all’anno) dall’oculista, la maggior parte delle malattie oculari si possono curare se s’interviene tempestivamente.

Per chi adopera quotidianamente il computer importante è un utilizzo corretto, mantenere una distanza che corrisponde al proprio braccio teso e ogni venti minuti alzare lo sguardo e guardare un oggetto lontano se permane l’affaticamento far controllare la vista e la secchezza dell’occhio, utile piò essere sia per chi ha difetti visivi e per chi è emmetrope l’uso delle lenti con protezione alla luce blu ( chiedete al vostro ottico di fiducia) potranno aiutarvi ad avere una visone più rilassata.

Dopo i quarant’anni è fisiologico l’insorgere della presbiopia che porta ad un lento peggioramento della visione da vicino, correggibile con lenti oftalmiche.

La secchezza dell’occhio è frequente può dare arrossamento, piccole fitte, importante bere molto e farsi dare delle lacrime artificiali che possono aiutare ad alleviare i disturbi.

In caso di miopia media alta, importante fare il controllo della retina una volta all’anno e in caso di lampi di luce e piccoli corpi scuri che si muovono davanti al nostro sguardo, fare subito un controllo della retina e del vitreo dall’oculista per prevenire qualunque complicazione.

Come regola della nostra vita è importante una buona e completa alimentazione, bere almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno e fare movimento, non essere sovrappeso e controllare sempre la pressione arteriosa e la glicemia, consultare il proprio medico di base periodicamente che vi aiuterà a monitorare il vostro stato di salute generale.

*****

La musica muove le emozioni e vibra le corde più sensibili di chi sente con l’anima e desidera comunicare sensazioni profonde e intime che non tutti riescono a percepire. Garbata e complice entra attraverso l’udito e scivola nei sensi di chi la riesce a comprendere. Paola

*****

5. Poesie di Paola Capitani

Un tramonto rosato
Sul crinale dei monti
Un domani sereno
Nonostante le ansie
Un nuovo giorno
Denso di ottimismo
Per difendersi da violenze
Terremoti e sopraffazione
Andare avanti sempre e comunque
È come mi insegnava mia madre
Fai invidia mai pietà
sorridi certa dei veri amici
Che ti saranno sempre fedeli..
Solo quelli….
Sempre


A Pupi Avati

Un grazie speciale
Ad un uomo che vale
Ad un fantasioso regista
Ancora sempre in pista!
Al piacere di vedere
La magia che sa creare!!!
Le emozioni che ci sa donare Mentre il film stiamo a guardare..
Paola 2021

Naufraghi (Cefalu’ 4/10/2018)
Naufraghi tramutati in scogli
Sembianze umane ferme nel tempo
Graniti grigi e neri
Guardano muti verso il mare
Nel tentativo inutile di riprendere il largo
Immobili di fronte a mete perdute
Legati in pose incredibili
Desiderosi solo di ritornare liberi

*****

La mela rosa romana

Una domenica presso la Proloco di Capugnano nell’Appennino, vicino a Porretta. Capugnano il paese natale del padre di Guglielmo Marconi.
Un pranzo a base di mele che accompagnavano garbatamente i gustosi piatti, dall’antipasto al dolce. Ovviamente mele rosa romane: un alberello del frutto è stato il gentile omaggio ai soci della neonata Associazione.
Un filmato dell’evento é stato inviato a “La Voce” di Castiglione per opportuna diffusione.
Un progetto di rete che vede coinvolti Dario Mingarelli e Maura Lolli, Vincenzo Speghini e Andrea Donati di 7Salute e Paola Capitani dei Giullari senza dimora che hanno referenti nelle varie regioni.
Per informazioni in merito
http://www.lavocecastiglione.it
http://www.giullari.wordpress.com
https://www.facebook.com/melarosaromana/posts/4817784154927804

*****

Non avvicinarti alla mia tomba piangendo.
Non ci sono. Non dormo lì.
Io sono come mille venti che soffiano.
Io sono come un diamante nella neve, splendente.
Io sono come la luce del sole sul grano dorato.
Io sono la pioggia gentile attesa in autunno.
Quando ti svegli la mattina tranquilla,
sono il canto di uno stormo di ucceli.
Io sono anche le stelle che brillano,
mentre la notte cade sulla tua finestra.
Perciò non avvicinarti alla mia tomba piangendo.
Non ci sono. Io non sono morto.
Canto Navajo

*****

Letture dei Giullari

Poesie

Viaggi dei Giullari

Giullari Junior

Libri segnalati da Giullari junior
1 R. L. Stine, fear street
2 Charli Howard, spalsh
3 Roal Dahl, Matilda sei mitica gli sporcelli
4 Jeff Kinney, diario di una schiappa
5 Rachel Renée Russell, diari di Nikki
Segnalati da Leda:
1 Matilde Bonetti, stella bianca
2 Raina Telgemeyer, coraggio, sorelle
Il primo fear street é il mio preferito sono 6 libri dei quali 2 devono uscire a fine mese e ora sono al secondo. Leda

Eventi dei Giullari

  • Nel mondo di Dante: donne ch’avete intelletto d’amor. Recital poetico musicale in omaggio a Dante Alighieri. Domenica 7 novembre alla Pieve a Santarcangelo per l’anteprima. Replica domenica 21 novembre ore 17,00 Cesena, Palazzo Ghini.
  • Niccolinitudini 12/11 – Graziella Izzi Benedetti – Oltre il neorealismo – Arte e vita di Roberto Rossellini in un dialogo con il figlio Renzo (ed. Mauro Pagliai Editore) Interviene Ugo Barlozzetti – Introduce Antonio Pagliai – Presente l’autrice Gabriella Izzi Benedetti. Gradita la prenotazione: tel. 055 7378721 – info@eventipagliai.com o in libreria (tel. 055 0946404). L’evento avrà luogo nel rigoroso rispetto delle norme anti Covid-19. Sarà richiesto il Green Pass. È obbligatorio indossare la mascherina. Ricordiamo che le presentazioni hanno la durata di un’ora circa. Libreria Caffè Teatro Niccolini -Via Ricasoli 3/5 – 50122 Firenze – Tel. 055 094 64 04 – http://www.teatroniccolini.com
  • Il festival della poesia ambientale : incontri e laboratori in concomitanza con il summit di Glasgow. Un altro modo per parlarne, anche e sopratutto a scuola. <https://www.agronline.it/cultura/roma-terza-edizione-del-festival-europeo-di-poesia-ambientale_27439&gt;
  • Domenica 14 Novembre 2021 ore 15.30-19.30 nella sede di via delle Rose 1, a Sant’Ermete – “DATE FRUTTI VE NE PREGO” – Scuola evolutiva “Conosci te stesso” – Un percorso gratuito di conoscenza e amore per vivere meglio, da compiersi in gruppo soci e amici della Comunità Nuovo Mondo – Quinto incontro del percorso con Loris Asoli

Ricette dei Giullari

  • Le squisite ricette di Peppe e Anna – https://bit.ly/3DZACCq
  • Le proteine animali vanno evitate la sera, perché non favoriscono il sonno. Piuttosto, è consigliabile optare per una cena vegetariana, ovvero senza carne né pesce. Ti spieghiamo tutto nel nostro nuovo articolo. Suggerito da Lucia – https://yuka.io/it/fondamenti/la-cena/
  • Dolce di mele – video

Orto e giardinaggio di novembre

Risorse interessanti

Referenti all’estero: Diana Mann (Australia), Sarah Baia (Bali), Alex Canciani (Brasile), Caterina Allegretti e Aphrodite Della Porta (Grecia), Marguerite Boardman (Canada), Daniela Sartirana (Belize), Ruth Cardenas Vettori (Bolivia), Stefano Paoli (Cina), Salem Badeea (Egitto), Annie Ducloux e Elyette Sananes (Francia), Leonardo Martinez Salas (Peru), Stefano Guiducci (Martinica), Daniele Toulouse (Spagna), Cristina Bueti e Davide Solimine (Svizzera).

Redazione: Lucia Bertini, Paola Capitani, Andrea Donati, Marco Fantechi, Giorgia Gianni, Daniela Giovannini, Franca Pampaloni, Lara Swan.